Guida alla contraccezione: l’anello vaginale Nuvaring

La contraccezione è un tappa importantissima nella vita di noi donne.

Da quando si comincia l’attività sessuale fino alla menopausa è importante scegliere il metodo giusto per non rischiare gravidanze indesiderate e per poter essere tranquille e sicure.

E’ importantissimo pensare a queste cose anche per le nostre figlie adolescenti, così ho pensato di preparare una serie di articoli a tema, e parto con l’anello vaginale Nuvaring perché è un metodo contraccettivo semplice ed efficace per tutte le età.

Come dice il nome Nuvaring è un contraccettivo ormonale a basso dosaggio e praticamente è un anello di plastica trasparente che contiene una piccola quantità di due ormoni sessuali femminili (etonogestrel + etinilestradiolo) che rilascia lentamente durante 3 settimane.

Il funzionamento è esattamente come quello della pillola ma con due grandi differenze:

1. non si prende tutti i giorni per bocca ma si inserisce in vagina e si tiene per 3 settimane consecutive (la quarta settimana è quella di sospensione in cui arriva il ciclo), quindi è molto difficile dimenticarsi di gestirlo correttamente, al contrario della pillola che viene spesso dimenticata con i conseguenti rischi.

2. siccome rilascia gli ormoni principalmente a livello locale da molti meno problemi all’organismo in generale.

Ovviamente deve essere prescritta da un medico perché ha comunque le controindicazioni della pillola, quindi prima il medico deve conoscere la nostra storia personale e la familiarità di alcune malattie prima di fare la ricetta.

Purtroppo non viene rimborsato dal Servizio Sanitario (al contrario di molti tipi di pillola) ma costa 15,50 euro al mese, però il costo economico viene ripagato dalla semplicità d’uso e dalla tranquillità che regala.

Io lo uso da quasi due anni e mi trovo molto bene, per questo lo consiglio decisamente, anche come primo contraccettivo per le ragazze.

Post correlati:

3 thoughts on “Guida alla contraccezione: l’anello vaginale Nuvaring”

  1. Pingback: Mamma & Donna: La madre è raddoppiata, poi divisa a metà e mai più sarà intera — Erica Jong
  2. Trackback: Mamma & Donna: La madre è raddoppiata, poi divisa a metà e mai più sarà intera — Erica Jong
  3. Pingback: Mamma & Donna: perché una mamma non è mai solo una mamma…
  4. Trackback: Mamma & Donna: perché una mamma non è mai solo una mamma…
  5. Pingback: Mamma & Donna: perché una mamma non è mai solo una mamma…
  6. Trackback: Mamma & Donna: perché una mamma non è mai solo una mamma…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting