Come scegliere il pediatra migliore!

Scegliere il pediatra è una vera a propria avventura, prima di tutto bisogna obbligatoriamente farlo i primi giorni dopo il parto, quando ancora si è inesperti e quando il parto, l’allattamento e tutti i problemi post-nascita sono ancora belli freschi e la mamma è giustamente stanca.

In seconda battuta, in molte zone i  pediatri convenzionati con il Sistema Sanitario Nazionale sono pochi e strapieni di pazienti.

Quindi è un bel salto nel buio e l’unico modo è fare delle prove per capire se la scelta è giusta oppure se conviene cambiare.

Ci si può anche consigliare con amiche e parenti con figli per vedere quale pediatra hanno scelto loro, ma questo non garantisce che lo stessa pediatra sia la scelta giusta per tutti.

La cosa buona è che dopo aver provato si può decidere di cambiare in qualsiasi momento per affidarsi ad un altro professionista più in linea con il nostro modo di vedere.

Io ho dovuto fare almeno 4-5 prove prima di decidere che dei pochissimi pediatri convenzionati della mia città non ce n’era neppure uno di cui potermi fidare.

Così ho dovuto tenerne uno per ricette e certificati e uno a pagamento per le visite e i consigli veri, una gran scocciatura!

Solo quando i miei figli hanno compiuto 6 anni ho potuto scegliere tra due medici di famiglia con specializzazione in pediatria, che riscuotono la mia piena fiducia finalmente!

Quindi per scegliere bene non abbiate timore a provare e a fare tante domande per capire se sia famiglia che medico sono sulla stessa lunghezza d’onda, sarebbe un errore scegliere un pediatra interventista che ad ogni mal di gola prescrive antibiotici a tappeto se la mamma preferisce affidarsi ad altri metodi se non è indispensabile, e viceversa…

La seconda ed ultima regola è di non rivolgersi al pediatra per ogni scemenza, questa è un’abilità che si acquisisce con l’esperienza di mamma, ed evitare di avere pretese assurde, come chiedere visite a domicilio ad ogni lineetta di febbre.

Voi avete avuto problemi a scegliere il pediatra? Quale percorso avete seguito?

Post correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting