Virus Zika: tutto quello che c’è da sapere per mamme in attesa e bambini

Virus Zika: tutto quello che c’è da sapere per mamme in attesa e bambiniTelegiornali e quotidiani che parlano tutti di questo virus Zika e la paura cresce, ogni giorno ci sono casi nuovi anche in Italia.

E’ il caso di fare un po’ di chiarezza, su cos’è Zika, sui reali pericoli e come evitarli e quindi mi metto di nuovo i miei panni di operatore sanitario e vado a spiegare punto per punto, così evitiamo di spaventarci senza sapere se ne abbiamo motivo.

Zika è un virus che in una fascia bassa di popolazione (circa il 25%) causa una malattia di modesta entità con sintomi molto simili a quelli delle comuni malattie esantematiche: dolori muscolari e articolari, esantema, congiuntivite, febbre e mal di testa.

Nel restante 75% di persone passa inosservata, quindi nessun sintomo, come succede spesso per la toxoplasmosi, di cui ho parlato qualche tempo fa., però anche questa malattia passa la barriera placentare e qui iniziano i problemi.

Il contagio avviene solo in due modi e solo se si prevede un soggiorno in America Latina:

1. per la puntura di una zanzara infetta (zanzara tigre)

2. per via sessuale (anche se per ora se ne conosce un solo caso in USA)

Quindi, se è una malattia così poco aggressiva e non è presente nel nostro paese perché tutti ne parlano?

Perché è molto pericolosa per le mamme in attesa e per alcune persone con particolari malattie del sistema immunitario.

Le mamme in realtà non rischiano problemi ma invece il feto si, il rischio è di gravissime malformazioni che sono più frequenti nella donne in gravidanza che contraggono il virus senza avvertire alcun sintomo evidente.

Per proteggersi il Ministero della Salute ha stilato alcune linee guida:

1. Evitare i paesi a rischio, evitando di viaggiare nelle regioni dell’America Latina in cui è presente questa malattia non è possibile essere infettati. L’elenco aggiornato di tutte le regioni a rischio si trova qui sul sito europeo per la prevenzione e controllo delle malattie.

E’ una notizia dell’ultima ora che Alitalia offre alle donne in gravidanza il cambio del biglietto e delle date senza penali o il rimborso totale

2. Proteggersi dalle punture di zanzara con indumenti chiari, zanzariere e repellenti idonei.

3. Evitare (ovviamente) rapporti sessuali con persone a rischio di contagio.

In caso di infezione l’unica cosa che è possibile fare è controllare frequentemente lo sviluppo del bambino con l’ecografia. Purtroppo non esistono cure né un vaccino

le

Post correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting