Famiglia

Cosa vedere a Innsbruck con i bambini

Stai cercando un posto dove andare in vacanza con i bambini e non ti viene in mente niente di interessante?

Ti vengo subito in aiuto e ti presento la cittadina di Innsbruck in Austria, piccola e bellissima mi ha permesso di andare in giro con due bambini piccini senza auto e, malgrado questo, trovare tante cose belle da visitare per lasciarli a bocca aperta, anzi siamo rimasti a bocca aperta anche noi grandi!

La prima cosa che ti voglio dire è di cercare un hotel nel centro città o vicino al centro storico che è il cuore di Innsbruck ed è tutto a portata di mano, di piede e anche di piedini senza dover usare mezzi particolari di trasporto, a parte quelli cittadini.


Senza auto o altri mezzi motorizzati privati la vacanza con i piccoli diventa molto più rilassante, ecologica e divertente, non credi?

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Puoi partire dalla via più antica  Herzog-Friedrich Strasse, fare un po’ di foto al Tettuccio d’Oro che è il simbolo della città, magari salendo fino in cima con i bambini (il biglietto costa meno di 5 euro), per poi approdare al Munding KONDITOREI-CAFÉ che è a soli 100 mt. dal Tettuccio d’Oro.

Questa è la pasticceria più antica del Tirolo e serve la vera Sachertorte tipica austriaca, se nella tua famiglia ci sono un sacco di golosastri, come nella mia, non ne uscirete tanto facilmente 😀

Però anche fuori vi aspettano cosa bellissime perchè il Konditorei Cafè si trova proprio nella Märchengasse Via delle Fiabe e dei giganti (vicolo Kiebachgasse) dove si trovano le statue delle fiabe più famose (la mia preferita da bambina era Fata Piumetta e c’è anche lei!).

LEGGI ANCHE:  Tweens: come sopravvivere ai figli preadolescenti da 9 a 13 anni

Il centro potete girarlo tutto, ci sono negozietti deliziosi, se decidete di arrivare ad Innsbruck prima di Natale troverete anche i mercatini tipici e una giornata intera potete spenderla così.

Un’altra tappa da programmare è sicuramente la visita all’Alpenzoo, non un classico zoo con i recinti e gli animali esotici, ma un vero e proprio parco montano, si trova a 750 metri di altitudine ed ospita (rigorosamente liberi) circa 2000 animali appartenenti a 150 specie alpine differenti, su un territorio di 4 ettari alle pendici della Nordkette, la catena montuosa che circonda la città.

Per noi, amanti della natura e degli animali fino alla follia, è stata una visita incredibile, tanto da non riuscire quasi a raccontarla.

Per arrivare all’Alpenzoo si prende la funivia Nordkette a pochi minuti dal centro, ci sono 4 fermate, dalla prima per lo Zoo Alpino a 750 metri, fino all’ultima HAFELEK a 2256 metri dove si può ammirare Innsbruck dall’alto e tutte le montagne.

In mezzo ci sono le fermate di HUNGERBURG a 860 metri, con la terrazza panoramica, il museo delle funivie e la chiesa di Santa Teresa, e di SEEGRUBE a 1905 metri con un rifugio e vari sentieri.

Altra tappa da non perdere, con cui si può occupare un’intera giornata di meraviglie, è il Tram dei Boschi.

Un tram rosso rubino che attraversa tutti i boschi intorno ad Innsbruck per 18 chilometri, con fermate incantate come il parco giochi del bosco Tantegert e la baita Vogelhütte di Lans.

LEGGI ANCHE:  La scuola e il "modello educativo fast food"

Il parco giochi è meraviglioso, curatissimo e i bambini (soprattutto se piccoli) non vorranno più andarsene.

La baita Vogelhütte è quello che in austriaco si dice Jausenstation, cioè una “stazione per la merenda” con specialità artigianali a base di torte, gelati e succhi di frutta, ma anche il Gulash e altri piatti a base di carne per chi desidera un rinforzino!

Anche qui non mancano i nostri amati animali, questa volta sono animali da fattoria che vivono liberi e tranquilli in grandi recinti e prati, spesso con i loro cuccioli.

Ci sarebbero molte altre cose da dire ma l’ultima tappa che ti consiglio è il Bosco delle Sfere, questa volta un pochino più distante dal centro città, circa 16 km.

E’ un ecoparco tutto in legno a 1560 metri, poco fuori Innsbruck, che ospita (tra le altre cose) la più grande pista per le biglie del mondo, sono 8000 metri quadri di parco, giochi e laboratori immersi nella natura.

L’ingresso è libero e gratuito ma per salire ci vuole l’Ovovia di Tulfes che costicchia un pochino, ma secondo me merita tutta la spesa e anche di più!

Nel parco c’è anche il rifugio e si può mangiare, cosa che per noi è sempre fondamentale…

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting

Seguimi su Instagram

Uso i cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua visita. Per accettarli continua a navigare, per saperne di più e cambiare le impostazioni consulta la Privacy e Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi