Bambini,  Famiglia

Viaggiare con un neonato? Si può!

Bando all’ansia perché con un neonato si può andare dappertutto!

L’importante è prepararsi con gli accessori e le informazioni giuste, ad esempio una delle variabili più importanti è il “come” si va in vacanza e il “dove” non tanto come destinazione finale ma come sistemazione per il pernottamento.

Per il tragitto ti basta tenere a mente alcune regole d’oro per non avere problemi di sorta.


Chi va in macchina deve attrezzarsi con un buon seggiolino sicuro, omologato e montato nel modo giusto secondo l’età del bambino.

Il codice della Strada prescrive che fino a 9 chili di peso il tuo bambino deve essere trasportato in senso contrario alla marcia dell’auto, ancora meglio se sul sedile posteriore.

Se ti sposti in treno o in aereo la cosa migliore è attrezzarti con una fascia tipo il mei tai che consente di tenere il tuo pupo al sicuro e tranquillo e anche di allattare senza problemi se si usi il “latte di mamma” 😀

In caso di mete esotiche bisogna informarsi bene e per tempo su rischi, profilassi e vaccinazioni e per il resto non ci sono limitazioni.

E’ bene portarsi un piccolo kit di pronto soccorso con tachipirina, disinfettante e olio essenziale di lavanda come “dopo puntura” di zanzara, cerotti e garzine, ma senza esagerare, tanto per qualsiasi malanno più serio è comunque necessario cercare un pediatra e farsi prescrivere la cura mirata.

Per i bimbi un po’ più grandini una borsa con colori, libretti e giochini vari sarà una miniera d’oro al momento di intrattenerli in caso di attese e viaggi lunghi.

Per il pernotto una delle migliori soluzioni se hai bambini piccoli è affittare una casa vacanze, in modo da avere le comodità e le libertà di un appartamento quasi come a casa propria.

LEGGI ANCHE:  Un Natale diverso è possibile: 10 idee di regali solidali per bambini e ragazzi

Online questa modalità è sempre più utilizzata proprio perché si uniscono vari punti positivi ad un risparmio rispetto al classico albergo (che non fa mai male) e fioriscono i siti su cui trovare gli alloggi da affittare direttamente online in tutto il mondo.

Tanti siti ci sono e il rischio è di dover spulciare e scandagliare la rete per trovare lo stesso alloggio al prezzo migliore, ma anche in questo caso internet ci viene in soccorso con un’idea geniale che si chiama Holidu, un portale che cerca le offerte con il potente metamotore interno e durante la ricerca fa uscire fuori il prezzo migliore di ogni appartamento della zona.

Così si può prenotare senza perdere altro tempo.

Quando hai scelto la casa perfetta per la tua vacanza ricorda di seguire le regole per evitare truffe e raggiri e assicurati di portare tutto quello che ti serve per poter gestire una o più settimane con il pupo senza perdere la testa:

1. la trousse per le medicine di pronto soccorso

Bando ai farmaci inutili, porta solo l’indispensabile se resti in Italia, qualcosa di più se vai all’estero e soprattutto fuori dall’Europa.

Un antipiretico, cerotti e disinfettante, sali reidratanti, un farmaco per il mal d’auto e affini, soluzione fisiologica e un unguento contro eventuali punture, sono quello che ti serve per comporre la trousse dei farmaci.

2. la trousse con i prodotti per l’igiene e il cambio

Scegli un unico sapone che vada bene per bagnetto, capelli e lavaggi vari, ce ne sono tanti eco-bio delicati che sono la scelta migliore e ti evitano di portare duemila flaconcini diversi, aggiungi asciugamano solo per il bimbo e telo/accappatoio, pannolini e quello che ti serve per il cambio, compresa una crema barriera.

LEGGI ANCHE:  Disegni dei bambini: interpretare il loro mondo

Se vai al mare pensa a come gestire il tempo in spiaggia, magari con un costumino/pannolino.

3. gli accessori per la pappa

Qui se allatti al seno vai via leggerissima, se invece allatti con il latte artificiale o sei già nello svezzamento avrai bisogno di qualche oggetto in più.

4. gli accessori per la nanna

Per la nanna una culletta portatile è una scelta semplice e poco impegnativa, se il tuo bimbo è più grande chiedi se nell’appartamento trovi un lettino, altrimenti organizzati con un lettino portatile pop-up che è leggerissimo e sempre pronto.

5. zaini e marsupi per girare in libertà

Non mi riferisco agli zaini per portare il pupo ma a quelli per portare le cose che ti servono quando ti allontani dalla “base”, usali capienti ma leggeri in modo che dentro ci stia tutto ma senza appesantirti inutilmente e ricorda che l’80% di quello che decidi di portarti dietro sicuramente non ti servirà Occhiolino

6. giochini e accessori per distrarlo

Questo è un punto importantissimo soprattutto se il tuo bimbo ha superato i 6 mesi, porta oggettini leggeri e piccolini ma assicurati che siano i suoi preferiti e che lo tengano occupato e concentrato per passare indenne i momenti “no” sia del tragitto di andata e ritorno sia della permanenza in loco.

Via libera a librettini, fogli e matite colorate, ecc. ecc.

7. i suoi documenti

Da qualche tempo anche i neonati hanno bisogno della loro carta d’identità valida per l’espatrio o del passaporto, quindi occhio ad avere tutto e a ricordarlo mettendolo insieme ai documenti dei grandi.

viaggiare con un neonato si può

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting

Uso i cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua visita. Per accettarli continua a navigare, per saperne di più e cambiare le impostazioni consulta la Privacy e Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi